Il progetto Hôtellerie

Assetwork ha messo a punto il PROGETTO HOTELLERIE®, una gamma di Servizi Integrati dedicati alle strutture alberghiere, alle aziende dell’accoglienza turistica  e del divertimento. Ci rivolgiamo a imprenditori che hanno voglia di misurarsi con “esperienze” di miglioramento organizzativo mutuate da modelli gestionali d’eccellenza di consolidata sperimentazione (Lean Management, TOC..), comportante l’adozione di “modelli culturali” e di strumenti operativi innovativi per il settore Hôtellerie.  

Il Progetto Hotellerie si sviluppa intorno ad un assunto imprescindibile per Assetwork: la Visione Sistemica dell’organizzazione.  La Gestione Sistemica ha come baricentro  “il valore strategico dei processi” ovvero, di come tutti i processi che costituiscono il modello di Business della Struttura “IL MIO PROGETTO DI HÔTELLERIE” debbano sempre aver chiaro come garantire l’equilibrio ECONOMICO-FINANZIARIO degli stessi. L’obiettivo è quello di validare la loro concreta sostenibilità nel tempo, rispetto ai “mutevoli” e crescenti bisogni del Cliente.

Assetwork sviluppa “soluzioni gestionali” con un consolidato Team di Consulenti i che hanno condotto a più livelli  un’accurata ANALISI “SOCIO-ORGANIZZATIVA” DEL  SETTORE HÔTELLERIE. Tale indagine ci ha permesso di  estrarre le caratteristiche “strategico-organizzative” che limitano o accelerano lo sviluppo del “Modello di Business”.

 

L’esperienza professionale maturata presso molteplici organizzazioni d’impresa ci ha consentito di sviluppare strumenti di ANALISI MULTIDIMENSIONALE, QUANTO SISTEMICA.

Abbiamo articolato un “set” di parametri valutativi, focalizzati su:

  1.  Le caratteristiche afferenti le modalità e gli strumenti per la pianificazione, la gestione, l’erogazione del servizio, o meglio, del “processo esperienziale” progettato per il Cliente;
  2.  La “Customer Satisfaction/Experience & Customer Loyalty”;
  3. La Professionalità e l’Abilità del Personale quali elementi strategici per la gestione e interazione con il Cliente;
  4. Il corretto approccio alla comunicazione interna ed esterna;
  5. Vivere la gestione della “crisi” quale opportunità di “fidelizzazione” del Cliente e non di “ennesima seccatura”.